Share |

Appuntamento al Monte Splendore, sul crinale dell’Appennino tra la Valtiberina e l’Alto Pesarese (lungo la strada asfaltata che da Castelguelfo riporta a Montemaggiore) per dire no al tracciato dei "Gasdotto dei terremoti"

Event Dates: 18 Giugno 2011 - 10:30am

Comitato no tubo.
Sabato 18 giugno ore 10,30
Appuntamento al Monte Splendore, sul crinale dell’Appennino tra la Valtiberina e l’Alto Pesarese (lungo la strada asfaltata che da Castelguelfo riporta a Montemaggiore) per dire no al tracciato dei "Gasdotto dei terremoti"

E’ una dritta linea sterrata larga 28 – 40 metri, lunga 700 km ., una line a che taglia diritto, ignorando l’orografia. Stiamo parlando del metanodotto gigante (superpipeline) che due multinazionali, SNAM retegas (ENI) e British Gas vogliono realizzare sul crinale dell’Appennino, sbancando, perforando, sventrando foreste, corsi d’acqua e cime rocciose per centinaia di chilometri.
E’un impianto industriale gigantesco, che si vuol disporre nell’area più incontaminata del paese, per motivi che riguarda solo chi lo propone.
L’ ”interesse nazionale” che il ministero ha con tanta solerzia concesso all’opera al fine di velocizzare l’iter, è infatti a dir poco discutibile, visto che da un lato non esiste un piano energetico nazionale e quindi, in assenza di punti di riferimento ogni azione diviene arbitraria e probabilmente approssimativa; dall’altra l’Italia di gas ne ha in eccesso, ne ha da vendere. E infatti lo vende, essendone il maggiore esportatore europeo.
Il prezzo da pagare per questo super mostro infatti lo sosterrebbe il paese: una devastazione senza pari sull’Appennino, superiore a qualsiasi immaginazione. Oltre all’impatto del tracciato in sé, in certe aree dove le pendenze sono accentuate, le piste di servizio per portare i giganteschi macchinari sul posto devasterebbero irrimediabilmente interi versanti. I corsi d’acqua attraversati verrebbero sconvolti, con l’estinzione locale di alcune specie (come la Lontra e una specie ittica tipica delle acque fredde, presente in alcuni corsi d’acqua interessati come “relitto glaciale”).
I servizi tecnici della Regione dell’Umbria hanno messo nero su bianco una valutazione impietosa, dove si parla di “danni estesi, recuperabili solo in secoli”, e ancora di “danni irreversibili al territorio e agli ecosistemi” e anche di danni tali da risultare “pregiudizievoli dell’immagine stessa della Regione”.
Ma non basta: il tracciato proposto inanella con precisione, uno ad uno, tutti gli epicentri dei terremoti più devastanti degli ultimi venticinque anni: a partire dall’Aquila, passando per Norcia, Visso, Colfiorito, ecc. Si tratta di zone dove esistono faglie attive, in grado di produrre il dislocamento del piano di campagna (la terra che si spacca e si sposta), come è accaduto nel terremoto dell’Aquila. Non esistono al mondo manufatti che possano resistere ad un simile trattamento: persino le montagne si spaccano. Ma la Snam afferma e insiste che i suoi gasdotti sono sperimentati, testati per resistere a tutto. Quindi noi dovremmo essere le loro cavie, nella speranza che certe cose sono “statisticamente improbabili”. Invece, da quello che succede, nel mondo e in Italia, si evince che basta un piccolo smottamento a far esplodere un gasdotto (Tarsia 2010, ad esempio). Posto che serva alla nazione (e va dimostrato) una simile opera va fatta semmai dove non vi è rischio sismico, non vi è rischio idrogeologico, non vi sono Parchi Nazionali, Riserve Naturali, Siti di Interesse Comunitario, Zone di Protezione Speciale, Parchi e Riserve Regionali. Insomma, le montagne dell’Appennino sono il posto meno adatto. Contro tutto questo, tutti al Monte Splendore, dinnanzi al maestoso spettacolo dell’Appennino sabato 18 giugno prossimo.
Per Info: comitatonotubo@email.it
            334/6576764      
            335/7361375